Riflessi e voci nello stagno

19 luglio 2015 | Commenta Segnalibro Un pò di Why

La vita nello stagno sembra sospesa nell’aria e nella quiete.
Tutto è racchiuso in un atmosfera surreale dove il tempo si ferma ed osserva in silenzio..

Le Rane verdi (Pelophylax esculentus) sono le prime attrici in questo teatro naturale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sguardi buffi e curiosi che nascono dall’acqua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Occhi e orecchie sempre in allerta… attente al pericolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le sinfonie di voci gracchianti si sommano l’una sull’altra affollando un coro già impreciso… è questa la vera musica dello stagno incantato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli approcci ed il corteggiamento rallegrano la piatta sull’acqua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con salti goffi e veloci alcuni esemplari si accoppiano tra i fili d’erba affioranti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si schiuderanno a breve tantissime uova e tantissimi Girini porteranno avanti questo complesso e delicato equilibrio determinando così anche una certa bontà delle acque e di tutto l’ecosistema che ospita queste meravigliose forme di Vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

Trovo queste creature davvero fotogeniche.. I loro sguardi e la loro spontaneità regalano riprese straordinarie ed è un vero piacere studiarne i comportamenti mantenendo sempre le distanze adeguate per non disturbare e per lasciarle nella loro religiosa tranquillità.
Che le Rane siano per sempre i folletti dei Fossi dei Fiumi e di tutte le acque ferme della nostra bella Regione.

Paolo Bolognini

 

Tags: , , , , , ,