In blu per l’autismo

2 aprile 2015 | Commenta Pensando Segnalibro

Oggi è la Giornata mondiale dell’autismo. Una malattia della quale tutti abbiamo sentito parlare: ma sappiamo davvero che cosa significa essere autistici?
Intanto una precisazione terminologia: più che parlare di autismo, si dovrebbe dovrebbe dire ‘disturbi dello spettro autistico’. Questo perchè è veramente difficile dare una definizione delle problematiche che affliggono i soggetti colpiti da questi disturbi appunto, che possono essere di varie tipologie: il disturbo autistico, la sindrome di Asperger, la Sindrome di Rett, il disturbo disintegrativo della fanciullezza e il disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato. Tutti hanno in comune comunque un’anomalia a livello neurologico.
Potremmo quindi più che altro parlare dei soggetti autistici come di persone che incontrano difficoltà, più o meno gravi, nelle interazioni sociali, nella comunicazione – verbale e non – e che mettono in atto un repertorio ristretto e ripetitivo di interessi, di attività e di comportamenti stereotipati. Ecco perchè solitamente chi è affetto da autismo sembra quasi vivere in un mondo tutto suo, non in relazione ed in correlazione con gli altri. Non dobbiamo però fare l’errore di pensare che questo significhi una minore intelligenza, anzi! Alcune persone autistiche sono dotate di grandi talenti ed abilità visive e artistiche.
Quando si parla di autismo dunque ci si riferisce a qualcosa di molto complesso. Qualcosa che la medicina sta tutt’ora studiando e nei confronti della quale la ricerca medica sta facendo grandi passi in avanti.
I risultati di una ricerca portata avanti dal Campus Bio-Medico di Roma, nell’ambito di un progetto europeo, sulle origini genetiche dell’autismo che ha coinvolto 200 famiglie, ha permesso d’identificare le origini genetiche della malattia nel 30% dei casi. Un passo avanti sicuramente importante, anche se non decisivo ancora. Capire le cause della patologia significherebbe infatti poter mettere a punto delle cure personalizzate: non serve dire quanto questo si, sarebbe un passo decisivo!
Oggi intanto, come simbolo della Giornata dedicata appunto all’autismo nelle città di tutto il mondo potremmo assistere ad un singolare fenomeno: vedremo i monumenti illuminati da una luce blu

Tags: , , , , , , , , ,