Una prima firmata Guerritore

4 febbraio 2015 | Commenta Girotondo Segnalibro

Monica Guerritore è una delle attrici italiane più apprezzate, per il suo talento cristallino, per la carica emotiva delle sue interpretazioni, per la sua bellezza inconfondibile. La maturità spesso porta grandi attori a osare qualcosa di più: non solo calcare il palcoscenico da protagonisti, ma costruire la scena anche nel dietro le quinte, ricoprendo anche il ruolo di regista.
E questo è quello che accade in Qualcosa rimane di Donald Marguiles di cui la Guerritore è appunto regista ed attrice protagonista. Per far debuttare il suo spettacolo, ha scelto Urbino.
La prima di Qualcosa rimane si terrà infatti il 6 febbraio al Teatro Raffaello Sanzio di Urbino, alle 21.
La commedia drammatica di Donald Margulies (Premio Pulitzer 2000), portata in scena per la prima volta in America nel 1996 e tuttora in tour nei migliori teatri americani, tratta il tema dello scontro generazionale tra una scrittrice di grande talento e fama, che alterna la pubblicazione di romanzi di successo all’insegnamento di pochi giovani allievi dotati (il cognome di lei è indicativo, Steiner) e una giovane scrittrice affamata di tutto. La breve relazione segreta con il grande poeta Delmore Schwartz (Kerouac, Corso, Ginsberg e autore di Nei sogni cominciano le responsabilità), ha segnato la vita della scrittrice; ma attraverso  una crescente intimità, la giovane penetra quel nucleo tenuto segreto e se ne appropria. La messa in scena della Guerritore racconta la casa di Ruth come ‘esilio’ (fondamento della Beat Generation), che contiene e restituisce con rimandi visionari il tessuto intellettuale ed emotivo della donna. In quel luogo ‘violato’, il tradimento della giovane non è solo distanza generazionale, ma divario tra profondità/tempo e superficie/fretta, tipica del nostro mondo.
In scena, con la Guerritore ci sarà Alice Spisa, vincitrice Premio UBU 2013 come migliore attrice under 30 per lo spettacolo Lo Stupro di Lucrezia di Valter Malosti. E laddove non potrà la Spisa, vedremo al fianco della Guerritore Lucilla Mininno, grandissima interprete e affiatata compagna di lavoro di Monica (al suo fianco nello spettacolo della Fallaci ).
“Il ruolo di Lisa Morrison (inizialmente pensato per Carolina Crescentini) sarà interpretato dalla giovane Spisa. Pur di avere questo giovanissimo talento per un ruolo cosi difficile e ambiguo abbiamo chiesto a Lucilla Mininno (già in scena in Mi chiedete di parlare) di interpretare il ruolo la dove la Spisa era già impegnata”.
“Il doppio ruolo è stimolante, dà occasioni di confronto e permette a due artiste di esprimersi”, afferma Lucilla Mininno che ha dato con entusiasmo la sua disponibilità.
“All’estero è una consuetudine e io sono felicissima di rovesciare i tavoli e sentirmi sedotta, adorata e derubata nei miei scritti e nelle mie storie da due donne cosi diverse” dichiara Monica Guerritore.
Dopo il debutto a Urbino, lo spettacolo sarà ancora in scena nelle Marche il 12 marzo al Teatro Marchetti di Camerino e il 13 marzo al Teatro La Nuova Fenice di Osimo. Il tour prosegue in 25 teatri italiani, per maggiori informazioni le date sono pubblicate sul sito www.parmaconcerti.it.

 

Tags: , , , , , , ,