Le Marche d’inverno

2 gennaio 2015 | Commenta Girotondo Segnalibro

Le festività, la prima neve, voglia di relax?Le Marche sono ideali per trascorrere le vacanze, anche durante l’inverno.
Le vette e le piste da sci dei Monti Sibillini, intrise del fascino di antiche leggende e baciate dal dono di paesaggi naturali eccezionali, sono luoghi caratterizzati da alti picchi, grotte, laghi e montagne: qui puoi godere di emozioni uniche, a stretto contatto con la natura.
Oltre 40 chilometri di montagne offrono un’infinità di itinerari diversi. Se sei un appassionato dello sci sono tantissime le piste dedicate al fondo o allo sci alpino, ma anche per gli amanti dello snowboard o del pattinaggio su ghiaccio c’è quello che fa per loro.
Da Ascoli a Macerata svettano oltre i 2000 mt di altezza le vette del Monte Vettore, Monte Priora, Monte Porche, Monte Sibilla.
E per ognuna, una storia. Il Monte Vettore oltre ad essere la cima più alta nella conca naturale abbracciata dall’arco montuoso, ospita un lago: il Lago di Pilato, piccolo ma di forte interesse per naturalisti e biologi. E poi il leggendario sentiero delle fate.
Il Monte Priora (o in alcuni testi antichi Priore) deve il suo nome alla presenza dell’antico eremo di frati camaldolesi di San Leonardo, retto da un priore. Situato tra il Monte Sibilla ed il Monte Priora per l’appunto, raggiungibile con un’ora di cammino, si trova l’Eremo sorto sul luogo ove risiedevano i monaci camaldolesi costretti nella seconda metà del 1500 ad abbandonare l’eremo e le sue terre per via dell’asprezza del luogo, per la crisi che si abbatté sull’agricoltura e sulla pastorizia e per la sua posizione sulla via che veniva utilizzata per attraversare l’Appennino e che, col tempo, era diventato sempre più esposto ad atti di brigantaggio.
Dal Monte Porche ha origine la sorgente del fiume Aso, che attraversa da ovest ad est, direzione monti-mare, le province di Ascoli Piceno e Fermo, segnando praticamente il confine fra di esse.
Il Monte Sibilla è un rilievo montuoso che deve il suo alone di mistero alla leggenda della Sibilla, figura mitologica che abitava l’omonima grotta, un antro che si apre in un varco roccioso vicino alla cima posta a 2173 mt. Attualmente l’ingresso è ostruito da una frana.

Si ringrazia la collaborazione con http://www.sibilliniweb.it/ per messa a disposizione delle foto

Tags: , , , , , , , , , , ,