Moscioli, non cozze

21 agosto 2014 | Commenta Discovery Marche

Può sembrare una sottigliezza, ma non lo è! E chi viene a visitare le Marche, giustamente, non vuole solo vedere le meraviglie della nostra terra, ma anche gustarle!
E’ importantissimo allora sapere che i moscioli di Portonovo hanno la loro unicità, non sono semplici cozze.
E occhio a confondervi, specie nelle zone dell’anconetano…siamo molto orgogliosi delle nostre eccezionalità!

Il mosciolo di Portonovo è un presidio Sloow Food dal 2003, quando si è ravvisata la necessità di tutelare ed assicurare la sopravvivenza di questa meraviglia che il mare e gli scogli della zona del Conero ci offrono: una qualità assolutamente unica deve infatti fare i conti con un quantitativo disponibile davvero esiguo.

Ma che diffenza c’è allora tra i nostril moscioli e una qualsiasi cozza? Intanto, il gusto! Forte, persistente, inconfondibile. Se mettessimo una benda ad u fortunate assaggiatore e gli porgessimo prima una cozza e poi un mosciolo, non potrebbe avere nessun dubbio…

Questo re della tavola che cresce spontaneamente nel tratto di mare che va dalla zona di Pietralacorce (Ancona) fino a Sirolo, può essere il protagonista di tanti piatti.
I suoi più grandi estimatori vi diranno di mangiarvelo  fresco, senza particolari preparazioni, solo scottato e condito con prezzemolo e aglio.
Chi ama sentire il vero sapore, preferisce invece gustarlo crudo, con solo una spruzzata di limone.
Oppure, potete anche decider di prepararvi un bel piatto di spaghetti coi moscioli, ricetta che è immancabile nella tradizione marchigiana anconetana e chef a leccare i baffi anche a tutti i turisti che passano da Portonovo e dintorni!

Ricetta
Ognuno ha il suo modo di cucinarli, ma per dargli un tocco in più abbiamo pensato di proporvi questa ricetta molto particolare, con anche i fiori di zucchine.

Ingredienti per 4 persone:
- 350 g di spaghetti
- 100 g di fiori di zucchini
- 2 kg di cozze (“moscioli”)
- 1 spicchio d’aglio
- vino bianco secco
- olio extravergine di oliva

Preparazione:

Pulire i “moscioli” e scottarli a fuoco moderato in una pentola coperta, senza acqua, per farli aprire. Sgusciarli, togliere il bisso e tagliarli grossolanamente. In una padella appassire a fiamma bassa l’aglio in camicia nell’olio extra vergine di oliva Terre del Conero e poi unire i fiori di zucchine a pezzi; infine aggiungere i «moscioli» insieme a un po’ della loro acqua di cottura e far insaporire il tutto. A piacere sfumare con del vino bianco.
Lessare gli spaghetti e saltarli in padella con il sugo.
Si ringrazia per la ricetta Terre del Conero www.terredelconero.org

————————————————————————————————————————————————————

“Moscioli”, not “cozze” – ordering mussels in the Marches

For some, the difference between Moscioli and Cozze, both meaning mussels, may be trivia. Visitors to the Marches, don’t want to just marvels of our lands but also taste them – and rightly so! It’s really important to know that the “moscioli di Portonovo” are not just your normal mussels, they are different. Be careful not to mix them up, especially in the area around Ancona, we are very proud of our local foods!

The “mosciolo di Portonovo” has been protected by Slow Food since 2003 when it was recognized that the treasures of our beautiful sea and shores of the Conero needed safeguarding. A product of excellence, the moscioli are found only in tiny quantities.
So what’s the difference between our “moscioli” and any other mussel? The taste for a start! It’s strong, long lasting and very distinct. If we blindfolded tasters and gave them the two different kinds to try, they would easily tell the difference..

This culinary speciality grows freely in the sea between Pietralacorce (Ancona) and Sirolo and can be used in many different dishes. Lovers of moscioli would tell you to eat them fresh without any particular dressing, just steamed and served with parsley and garlic.
Those who enjoy the real taste of moscioli instead prefer to eat them raw with just a squirt of lemon juice. You can even decide to prepare a nice dish of spaghetti with moscioli, a traditional recipe in the area of Ancona that leaves not just the chefs and the locals but the tourists that pass by Portonovo and surrounding areas with their mouths watering!
Recipe
Everyone has their own way of preparing moscioli but for something special, we though of giving you this recipe with courgette flowers.

Serves 4:
- 350 g spaghetti
- 100 g courgette flowers cut
- 2 kg mussels (“moscioli”)
- 1 garlic clove
- dry white wine
- extra virgin olive oil

Clean the moscioli and heat them over a medium heat in a covered pan without water to make them open. Remove from their shell, take off the beard and chop them roughly. In a pan over a low flame, gently fry the garlic in the olive oil (preferably from Terre di Conero) and add the courgette flowers. Add the Moscioli together with a splash of the cooking water and leave to absorb the taste. Add a splash of white wine if desired

Cook the spaghetti and toss in the pan with the moscioli

Many thanks to Terre del Conero for the recipe www.terredelconero.org

 

Tags: , , , ,