Olio nuovo? Si, ma di Canapa!

10 dicembre 2013 | Commenta Segnalibro Un pò di Why

Olio d’ oliva, di semi di girasole, di semi di mais e soia sono quelli più comunemente conosciuti.
Nell’azienda agraria Trionfi Honorati di Jesi anche quest’anno è invece pronto l’olio nuovo di semi di canapa. Prodotto tramite spremitura a freddo dei semi di canapa sativa.
Dal sapore gradevole, molto simile a quello delle nocciole, può essere consumato crudo come olio per condire tutte le pietanze, ma può essere anche utilizzato come olio da massaggio, ideale per le pelli secche o pruriginose.
La nota azienda agraria, conosciuta soprattutto per gli ottimi prodotti del suo caseificio, da qualche anno, sta coltivando e lavorando la canapa sativa, che si differenzia da quella indiana – e quindi non è considerata tra gli stupefacenti – per la minore concentrazione di principio attivo, il tetracannabino.
La canapa è una pianta dal fusto alto e sottile, può raggiungere i quattro metri di altezza, con la parte superiore ricoperta da foglie. Cresce molto velocemente senza necessitare di cure ed è tra le piante più produttive in assoluto. I suoi semi sono considerati completi dal punto di vista proteico con i suoi 8 aminoacidi essenziali senza dimenticare l’importante presenza di Vitamina E, un ottimo anti ossidante naturale.
L’olio che si ricava da questi semi – autorizzati – di canapa sativa, mantiene tutte le proprietà dei semi stessi, risultando altrettanto ricco di acidi grassi e di tutte le altre proprietà nutritive che sono scientificamente riconosciute utili nel trattamento delle malattie legate all’apparato cardiocircolatorio.
Non resta che scegliere, quindi, nel ricco emporio di prelibatezze dell’azienda, oltre al latte, ai formaggi, le marmellate, le salse e le carni anche del buonissimo e salutare olio di canapa, magari solo per curiosità.

di Cinzia Pelagagge

Tags: , , , , ,