L’arte del circo…in città!

2 settembre 2013 | Commenta Girotondo Segnalibro

Quando parliamo di circo, siamo abituati ad immaginare semplicemente quel tendone che tanto da bambini ci ha divertito, con tutte le magie che accadevano al suo interno, le risate dei clown, gli animali ed i loro domatori, i volteggi dei trapezisti. Ma per costruire quello spettacolo che dura un’ora o poco più, ci vuole più fatica ed applicazione di quanta non si pensi.
Perchè quelli del circo sono artisti a tutti gli effetti, sono moderni cantastorie in un certo senso, che si spostano di città in città portando un po’ della loro vita e della loro immaginazione.
Artemigrante, il Festival internazionale del circo contemporaneo e del teatro di strada, vuole far conoscere questo universo a tutti, portandolo fuori dagli angusti limiti del tendone ed aprendosi agli sguardi dei curiosi…non solo dei piccoli, c’è da scommetterlo!
Arrivato alle XIV edizione, il festival coinvolge Macerata dal 5 al 9 settembre, facendo suoi i luoghi del centro storico ed animandolo come non mai.
A creare questo format, fu nel 2000 l’associazione “I benandanti” formata da attori e giocolieri, ma da anche studenti universitari e giovani maceratesi, con la voglia comune di far conoscere anche a Macerata il Teatro di strada e le arti circensi.
Spettacoli, street food e mercatini accoglieranno il pubblico che di certo non vorrà perdersi un evento tanto particolare e che ospita artisti di rilevanza provenienti anche da Paesi stranieri: agli italiani della Scuola Romana di circo e al particolarissimo clown Daniele Antonini, tanto per fare due esempi, vanno infatti aggiunti la compagnia El Grito, che si muove tra Uruguay Belgio ed Italia, il Duo Temba, composto da un artista spagnolo ed uno francese.
Artisti tutti assolutamente di grande livello che comporranno un programma che ha pochi rivali nel mondo…insomma, pensate davvero di volervi negare una serata ad Artemigrante?

Tags: , , , , , ,