Artigiani in fiera

11 ottobre 2011 | Commenta Impresa

Incontriamo Michela Fioretti, Direttore dell’Expo Marche, per fare il punto su cosa si è fatto e soprattutto cosa si farà per dare lustro all’artigianato marchigiano.
Prima di guardare al futuro, una piccola parentesi la dedichiamo alla Mostra Mercato Regionale dell’Artigianato tenutasi a Fabriano dal 15 al 18 settembre.
L’evento è dedicato all’artigianato sia di produzione  che artistico. In più quest’anno una sezione dedicata alla carta, per parlarne nel senso moderno del termine: tutta la filiera economica della carta nonchè i prodotti unici che l’artigiano con questa materia antica riesce a creare. “Il nostro grazie va anche alle aziende che hanno deciso di credere in questa nuova sezione della mostra e che hanno esposto a Palazzo del Podestà le loro creazioni”. Una rete, quella costruita dall’Expo Marche, fatta da piccole realtà artigianali e da aziende affermate, nonché da case editrici; perché importante è anche comunicare ciò che si fa e farlo nel migliore dei modi.


“Quello che vogliamo fare, non è solo offrire la vetrina a chi partecipa agli eventi organizzati dalla Expo Marche, ma fare mettere in contatto soggetti che abbiano interesse a creare sinergie; oltre alla presenza alla fiera, anche possibili e interessanti collaborazioni future che possano aiutare l’artigiano”. Fabriano è stata la tappa zero per un nuovo modo d’intendere la White Economy, la base per iniziare percorsi nuovi, che possa essere di spunto per dare il la ad una nuova imprenditoria fondata sulla carta.
E per l’inverno cosa ha in serbo l’Expo Marche?
“Stiamo preparando insieme a GE.FI (società milanese che organizza la manifestazione) la partecipazione collettiva degli artigiani marchigiani all’Artigiano in Fiera di Milano. Ormai alla 16° edizione, la fiera ha sempre visto la partecipazione dell’Expo Marche che segue le aziende della nostra Regione che vogliano esporre. Abbiamo un’area assegnata di circa  1000mq e le aziende che aderiscono con noi godono delle stesse condizioni applicate dalla Fiera Milano. In più però offriamo un vantaggio: sfruttare la nostra rete, le nostre sinergie locali nonché avere il servizio e l’assistenza in fiera”. Un’attività molto importante quella dell’Expo Marche che si fa promotore delle attività artigianali regionali a livello nazionale. “L’unica cosa che chiediamo alla Regione Marche è di aiutarci a personalizzare l’area anche perché è un momento di promozione non solo aziendale ma anche turistico nei giorni della fiera a Milano transitano circa 3milioni di visitatori, famiglie che devono decidere dove programmare le vacanze”. Un’iniziativa enorme ed unica nel suo genere a livello mondiale: una grande fiera, con 3mila espositori provenienti da tutto il mondo, 5 padiglioni dedicati all’Italia, 2 all’Europa e 2 al resto del mondo. E i marchigiani? “Riusciamo a portare circa una sessantina di espositori ogni anno”. Ma come mai, così tanti visitatori per una fiera non per addetti ai lavori? “E’ la formula, il mix di fattori offerti che è vincente. Primo il periodo: svolgendosi prima di Natale, il regalo è un must. Ci sono tantissimi punti ristoro; noi stessi ne gestiamo uno per il comune di Senigallia: Verdicchio e Pesce Azzurro. Mettiamo in piedi un vero e proprio ristorante con uno chef professionista, insegnante all’Istituto Alberghiero di Porto Sant’Elpidio e di Senigallia: due scuole che ci accompagnano ormai da anni in questo progetto e che danno agli alunni la possibilità di fare uno stage formativo in fiera”.
Tante possibilità per fare rete dunque: perché non coglierle?

Partner Istituzionali per L’artigiano in Fiera
Comune Senigallia
Comune Fano
Provincia di Ancona
Camera di Commercio di Ancona
Unioncamere

Espositori presenti a Fabriano
Box Marche Spa
Cartilia
Librare
Kube Design
Digitall
Paper’s Fashion
Il lavoro editoriale
Theta Edizioni

Tags: , , ,